Importiamo in botti


Scegliamo un metodo unico e accurato per preservare la qualità di un prodotto prezioso: così arriva in Italia il caffè più pregiato del mondo.

Sulle montagne della Giamaica, nei terreni vulcanici situati a grandi altitudini, viene coltivato un caffè dalla drupe color verde-azzurro, insuperabile per l’unicità del suo sapore e l’equilibrio delle sue fragranze. Si chiama Jamaica Blue Mountain, cresce in piccole piantagioni, facendone una delle varietà di caffè più rare, esclusive e ricercate del mondo, soprattutto dal Giappone. 

Nella miscela Harem di Passalacqua trovi due caffè pregiatissimi, il Jamaica Blue Mountain con le sue note liquorose e un sentore di vaniglia e frutta secca, e il Portorico San Pedro, caratterizzato da uno straordinario gusto fruttato che lo rende unico.

PROVALO SUBITO

Un viaggio in legno verso l'Italia

Il Jamaica Blue Mountain arriva nella torrefazione Passalacqua conservato nelle tradizionali botti di legno, proprio come i pregiati rum dei Caraibi. Prima di partire, però, ogni barile di Jamaica Blue Mountain deve superare le verifiche di qualità del Coffee Industry Board, durante le quali il caffè verde viene sottoposto a rigorosi controlli. 

Solo le torrefazioni che realizzano un caffè di altissima qualità come Passalacqua scelgono il Jamaica Blue Mountain per le loro miscele, rispettando l’unico metodo di importazione capace di preservare perfettamente il sapore e l’aroma di un prodotto straordinariamente pregiato ed esclusivo.

Il gusto antico e liquoroso di un caffè gourmet

Nella degustazione del Jamaica Blue Mountain troviamo tracce che ricordano il rum: questo caffè eccezionale ha note liquorose ma anche un leggero sentore di vaniglia, mandorle, pistacchi e un aroma che ricorda il cioccolato. Il colore delle sue drupe è unico, come anche il suo sapore capace di assorbire perfettamente i profumi e le mille sfumature di un paese colorato e vivace.

Ma non tutto il caffè caraibico è Jamaica Blue Mountain: solo dalle piante che crescono ad altitudini superiori ai 1.800 metri nei distretti di Portland, St. Andrew, St. Mary e St. Thomas, in un'area di soli 6.000 ettari, nasce il vero Jamaica Blue Mountain. Un caffè gourmet coltivato da piccole aziende agricole, mai superiori ai 70 ettari, con la cura e l’attenzione di una volta.

Questa gustosa varietà di caffè nasce da una straordinaria serie di eventi. Nel 1723, Re Luigi XV invia tre piante di caffè in Martinica, allora colonia francese. Cinque anni più tardi, il governatore della Martinica ne dona una pianta a Sir Nicholas Lawes, governatore della Giamaica, che diede inizio all'industria del caffè giamaicano.

Nel 1737, il Jamaica Blue Mountain viene importato in Europa per la prima volta e da allora è la varietà più pregiata e ricercata dal mondo occidentale e soprattutto dal Giappone.