In piantagione


Raccolto a mano nei migliori paesi produttori, accuratamente selezionato: il viaggio del tuo caffè comincia qui.

Tra le 80 specie di Coffea pianta della famiglia delle Rubiacee, quelle commercialmente più importanti sono due: Coffea Arabica, con chicco verde azzurro di forma ovale, e Coffea Canephora con chicco più rotondo e di colore giallo o giallomarrone, conosciute rispettivamente come Arabica e Robusta.

La prima coltivata in numerose varietà (typica, moka, maragogype, ecc), è originaria degli altipiani etiopici e rappresenta circa i ¾ della produzione mondiale; è molto pregiata e da un caffè ricco di aroma con acidità gradevole. Della Robusta invece esistono poche varietà ed è, a differenza dell’Arabica, più resistente alle alte temperature, alle piogge abbondanti alle malattie. Da una crema più corposa e di gusto più forte dell’Arabica.

Nella crescita spontanea la pianta del caffè può raggiungere i 10 metri di altezza ma nelle colture si porta a non più di tre metri per facilitare la raccolta dei frutti. La pianta del caffè presenta foglie carnose lanceolate a coppie con piccoli fiori bianchi e profumatissimi da cui nascono i frutti raccolti in grappoli: sono drupe ovalari che, maturando, da verdi diventano rosse con un aspetto molto simile alle ciliegie.

Conoscere il caffè per amare il caffè

Al di là delle informazioni scolastiche sulla pianta del caffè, per realizzare un caffè di qualità, è indispensabile conoscere a fondo le caratteristiche del prodotto, amarlo quando è ancora verde, destreggiarsi nelle tecniche di coltivazione e raccolta. Solo così è possibile effettuare scelte sapienti, capaci di fare la differenza e realizzare l’eccellenza in ogni tazza. 
Il viaggio del caffè che stai per sorseggiare comincia così, in piantagione, dove noi di Passalacqua scegliamo personalmente i paesi coltivatori da cui acquistare in base a severi ma determinanti parametri, per assicurarti sempre i frutti migliori per un caffè eccellente.

Le origini del caffè

La zona di produzione è il primo elemento che definisce un caffè di qualità. La ricchezza del terreno, l’irrigazione, le escursioni termiche sono fattori determinanti per la coltivazione di un caffè di qualità superiore. Per questo Passalacqua seleziona tutti i migliori paesi produttori di caffè del mondo per realizzare tante miscele pregiate e differenti l’una dall’altra, e soddisfare tutti gli appassionati di caffè e i loro gusti variegati. Scopri di più 

Il raccolto fatto a mano

Il sistema di raccolta dei frutti è un’altra scelta importante per definire la qualità del caffè. Non tutte le drupe maturano contemporaneamente e, poiché crescono in grappoli, non è facile cogliere solo quelle pronte. l chicchi ancora verdi darebbero alle miscele un sapore amaro, quelli troppo maturi, fermentando, possono compromettere il sapore del caffè.
Ecco perché Passalacqua sceglie solo raccolti manuali e non meccanizzati, con metodi lenti, più costosi, ma precisi, che ci assicurano la raccolta solo dei frutti maturi al punto giusto, gli unici capaci di offrire eccellente aroma e gusto in tostatura.

Gli standard di eccellenza

Non tutti sanno che dopo la raccolta il caffè viene esaminato e classificato in base al numero di difetti dei frutti. La scelta della classificazione del caffè da importare è un momento determinante per ogni azienda, perché significa decidere se realizzare o meno un caffè di qualità superiore.
Per questo Passalacqua sceglie solo i caffè di qualità straordinaria, per assicurare al cliente un’esperienza di gusto sempre intensa e un aroma unico. Scopri di più

I chicchi essiccati al sole

Anche per il trattamento dopo la raccolta, Passalacqua sceglie il metodo di lavorazione più lento ed efficace, ma capace di garantire una qualità eccellente dei chicchi. Acquistiamo solo caffè essiccato naturalmente al sole: questa tecnica, al contrario di quella che utilizza essiccatori automatici, consente ad ogni chicco di asciugarsi in modo uniforme, sia dentro che fuori, assicurandoci solo frutti con minimo di tenore di umidità interna, capaci di affrontare intatti il lungo viaggio in nave.